INCUBUS (1966) – IL SALVATAGGIO DEL FILM IN ESPERANTO

È il 1993 quando il produttore Anthony M. Taylor decide di rilasciare un film del ’66 sul mercato domestico. Grande è lo sgomento quando la Consolidated Film Industries, società designata alla conservazione della pellicola, comunica a Taylor che i negativi del film sono svaniti nel nulla. Non si tratta di un film qualsiasi:  Incubus (1966) vede un giovane William Shatner recitare davanti alla macchina da presa poco prima della consacrazione nel ruolo di Kirk in Star Trek.

Marc è un soldato innamorato della sfuggente e bella Kia. L’uomo dovrà combattere contro terribili demoni per coronare il proprio amore con Kia. Shatner, già attore nella serie The Outer Limits, ritrova lo scrittore e regista del telefilm Leslie Stevens, che ha deciso di radunare i talenti di The Outer Limits per girare un film horror fuori dagli schemi. Stevens sceglie infatti di far recitare gli attori in Esperanto, lingua artificiale inventata nel 1887 che, nelle intenzioni, dovrebbe infondere al film un’aura tetra e misteriosa.

Alla prima del film, il 26 ottobre 1966, alcuni esperantisti criticano il film per gli evidenti difetti di pronuncia degli attori. La promozione è poi funestata dal misterioso omicidio- suicidio dell’attore serbo Milos Milos (Incubus nel insieme con l’amante Carolyn Mitchell, moglie di Mickey Rooney. Anche Ann Atmar, interprete del ruolo di Arndis, muore suicida nell’ottobre del ‘66. Osteggiato in patria, Incubus cerca fortuna oltreoceano, nel fermento cinematografico europeo dell’epoca.

E’ in Europa che, nel 1996, viene scoperta negli archivi della Cinémathèque Française una copia malconcia del film. Recuperata attraverso stampa ottica, i sottotitoli in francese della pellicola vengono sostituiti da quelli in lingua inglese. Sci-Fi Channel (oggi SYFY) finanzia un restauro che nel 2001 porta alla pubblicazione di una versione dvd per il mercato home video. Ad oggi il film disponibile gratuitamente su YouTube.

Pubblicità

I commenti sono chiusi.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: